Informazioni per operatori

EVITARE LE INFEZIONI È POSSIBILE: I 7 INPUT DA SEGUIRE SECONDO L’OMS

[embed]https://www.youtube.com/watch?v=K-2XWtEjfl8&app=desktop[/embed] L’impegno di XMed a favore della prevenzione delle infezioni ospedaliere non va in vacanza; ecco perché abbiamo scelto, in

LEGGI TUTTO

ALLARME INFEZIONI OSPEDALIERE: UNA GUERRA DOVE TUTTI POSSIAMO FARE LA DIFFERENZA

700 mila casi rilevati di infezioni ospedaliere, l’1% dei quali con esito letale; e l’Italia vanta il triste primato di 7 mila decessi all’anno, essendo il terzo Paese in Europa per uso

LEGGI TUTTO

I PRODOTTI DI XMED

Non possiamo capire fino in fond

LEGGI TUTTO

MARGHERITA VIZIO E IL SUO IMPEGNO PER LA SICUREZZA DELLE CURE

È stata segnalata tra le 150 donne

LEGGI TUTTO

COME SI FA PREVENZIONE

  Nella se

LEGGI TUTTO

L’INNOVAZIONE COME STATO MENTALE

L’innovazione nella prevenzione delle infezioni è la parola d’ordine di XMED: Contribuire a un mondo migliore è quello che spera Carlo Alberto Bosi, Presidente di XMED.

LEGGI TUTTO

IL CUORE DI XMED BATTE PER LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI

XMed arriva su LinkedIn! È il momento per questa dinamica azienda di Mirandola (MO), attiva nel biomedicale, di farsi conoscere al suo pubblico. Carlo Alberto Bosi e Margher

LEGGI TUTTO

Infezioni ospedaliere

Le infezioni ospedaliere costituiscono una delle complicazioni più frequenti e gravi dell’assistenza sanitaria. Si definiscono così quelle infezioni che insorgono durante il ricovero di una persona in ospedale e che non erano presenti o in incubazione al momento dell’ingresso in ospedale. In alcuni casi, le infezioni ospedaliere si possono manifestare anche dopo la dimissione dall’ospedale.

A partire dagli anni novanta, l’assistenza sanitaria ha subito profondi cambiamenti. Per il nascere ed il diffondersi di altri luoghi di cura quali strutture di lungodegenza, residenze per anziani, ambulatori, centri di dialisi, day-surgery (cioè interventi chirurgici effettuati in regime di ricovero delle durata di poche ore), assistenza a domicilio ecc., oggi si parla più in generale di infezioni correlate all’assistenza sanitaria (Ica) e non solo di infezioni ospedaliere.

Prevenzione infezioni ospedaliere

Si stima che una quota superiore al 50% delle Ica siano prevenibili. Esistono oggi conoscenze consolidate e comportamenti professionalisicuri” che possono ridurre in modo significativo il rischio di contrarre un’infezione.

La diminuzione delle Ica è uno degli obiettivi del Piano nazionale di contrasto all’antibiotico-resistenza pubblicato dal Ministero della Salute nel 2017.

La prevenzione delle Ica si può attuare mediante:

  • la sorveglianza delle infezioni, l’identificazione ed il controllo delle epidemie
  • il corretto lavaggio delle mani 
  • la riduzione delle procedure diagnostiche e terapeutiche non necessarie
  • il corretto uso degli antibiotici (per la profilassi e la terapia) e dei disinfettanti
  • l’utilizzo di metodiche corrette soprattutto per le procedure invasive
  • il controllo della pulizia ambientale
  • la sterilizzazione dei dispositivi medici riutilizzabili
  • la vaccinazione degli operatori sanitari

Le Ica hanno un impatto sulla salute delle persone, ma anche un impatto economico per le strutture sanitarie coinvolte. Da qui la necessità di adottare procedure sicure, in grado di prevenire e controllare la trasmissione delle infezioni in tutti gli ambiti assistenziali (ospedali, strutture di lungodegenza, residenze per anziani).

Xmed S.r.l.

Via Statale Sud, 113 - Mirandola (MO) - Italy

Tel.: +39.0535.611467 - Fax: +39.0535.607564
E-mail: [email protected] - Pec: [email protected]

Tutti i materiali reperibili nel sito web Xmed s.r.l. possono essere scaricati o stampati esclusivamente per uso personale e non commerciale. Ogni pagina o parte di essa non può essere venduta, pubblicata, modificata, riprodotta o sottoposta ad altro trattamento senza l'approvazione scritta di Xmed s.r.l.

Certificazioni


UNI EN ISO 13485:2016